Bracconaggio nel parco regionale di Veio: morto un 38enne

cacciatore.jpgBattuta di caccia finita in tragedia nel parco regionale di Veio, alle porte di Roma. Due uomini, rispettivamente di 55 e 40 anni, cacciatori da diversi anni, si erano recati nel parco per trascorrere la notte a caccia di cinghiali, in compagnia di un 38enne. Durante la battuta, il cacciatore 55enne, rimasto isolato e appostato tra gli alberi, colto dallo spavento per uno strano movimento e temendo che si potesse trattare di un animale, avrebbe esploso con il suo fucile, in direzione di un cespuglio, un colpo ‘a pallettoni’. Tra i rovi, però, c’era l’amico 38enne. I due cacciatori avrebbero poi trasportato l’amico ferito al pronto soccorso dell’ospedale “G.B. Grassi” di Ostia invece del più vicino Sant’Andrea, passando però prima per l’abitazione di uno dei due per disfarsi del fucile. L’uomo è giunto ormai esanime all’ospedale, in condizioni disperate e ogni tentativo di rianimazione è risultato vano. I due cacciatori di frodo sono ora in stato di fermo con la doppia accusa di omicidio colposo e di omissione di soccorso e dovranno rispondere di esercizio abusivo dell’attività di caccia, vietata nel parco regionale e peraltro svolta al di fuori degli orari consentiti. E’ in corso il sopralluogo nella zona dell’incidente e già nelle prossime ore sarà eseguita l’autopsia sul cadavere. I due bracconieri sono stati arrestati.

Bracconaggio nel parco regionale di Veio: morto un 38enneultima modifica: 2013-10-20T13:49:04+02:00da venetonordest
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Bracconaggio nel parco regionale di Veio: morto un 38enne

Lascia un commento