Livorno: trovati 2 cani uccisi e sventrati, forse utilizzati come come corrieri della droga

Due cani sono stati ritrovati, nel giro di tre giorni a Livorno, uccisi, seviziati e sventrati. Un esemplare e’ stato rinvenuto venerdi’ scorso, l’altro ieri pomeriggio. L’ipotesi degli investigatori e’ che si tratti di cani utilizzati come corrieri della droga, e per questo sono state immediatamente attivate indagini approfondite.

pablo-the-drug-mule-dog.jpegI due cani, di taglia medio-grande, avevano il muso chiuso con delle fascette, e la pancia aperta. A rafforzare l’ipotesi che le due bestiole venissero utilizzate per trasportare droga, è il ritrovamento di una busta nera nel ventre dell’animale rinvenuto ieri, in un campo in via del Vecchio Lazzaretto.

”Il sospetto, afferma in una nota Marta Gazzarri, capogruppo Idv al Consiglio regionale della Toscana, è che dietro l’uccisione ci siano motivi di droga. Che i cani siamo stati usati come corrieri ed infine uccisi per recuperare il contenuto. Uno scenario orribile che, se confermato, apre la strada ad una nuova forma di violenza sugli animali. Una forma ancor più crudele perchè gli animali sarebbero ora utilizzati come oggetti, alla merce’ degli spacciatori ed uccisi non dal gesto di un folle ma da un lucido proposito ben identificabile. Un modo orribile di trasportare illecitamente cocaina che, fino allo scorso maggio, quando un uomo fu arrestato a Pontedera proprio per questo motivo, non aveva precedenti nel nostro paese. Confido che la magistratura faccia piena luce sulla questione e che i responsabili vengano identificati”.

Poco piu di 2 mesi fa a Pontedera, un uomo era stato arrestato per un caso analogo. Leggi notizia

Foto dal web – Fonte: Adnkronos

Livorno: trovati 2 cani uccisi e sventrati, forse utilizzati come come corrieri della drogaultima modifica: 2012-07-17T20:51:38+02:00da venetonordest
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Livorno: trovati 2 cani uccisi e sventrati, forse utilizzati come come corrieri della droga

  1. Pingback: Cani - Tratto da Zero zero zero di Saviano

Lascia un commento