Abbandonarono 10 cuccioli, proprietari incastrati grazie a test dna

bvb.jpgE’ stato attraverso l’esame comparativo del dna che le polizie municipali della Val di Bisenzio e di Prato sono risalite ai proprietari dei dieci cuccioli abbandonati nei boschi di Vaiano la scorsa vigilia di Natale. Si tratta di una coppia di quarantenni residenti a Prato, entrambi lavoratori dipendenti, ora denunciati a piede libero per abbandono e maltrattamento di animali. Soddisfatto il procuratore capo Piero Tony che parla di una battaglia di civilta’ e di un duro colpo al senso di impunita’ che aleggia intorno alla barbara pratica di disfarsi dei propri amici a quattro zampe. Grazie al clamore mediatico suscitato dal ritrovamento dei dieci cuccioli infreddoliti, e’ arrivata alla polizia municipale di Vaiano la segnalazione di una qualche analogia tra gli animali ritrovati e quelli pubblicizzati su un annuncio, dove erano proposti 10 cuccioli in regalo nati il 20/10/2010. Con l’aiuto dell’U.O. Cinofila della polizia municipale di Prato, i vigili di Vaiano hanno verificato che l’inserzionista aveva registrato a suo nome un cane meticcio di sesso femminile e che il marito della donna era intestatario di un cane di sesso maschile. Adesso pero era necessario dimostrare che questi due animali fossero i genitori dei dieci cuccioli abbandonati. Da qui, su delega della Procura, la decisione di effettuare il test del dna realizzato dall’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana. Il responso ha fugato ogni dubbio.Ultima cosa non meno importante. I cuccioli stanno bene e hanno tutti trovata casa.

fonte: toscanatv.com  foto:dal web

Abbandonarono 10 cuccioli, proprietari incastrati grazie a test dnaultima modifica: 2011-06-11T20:49:11+02:00da venetonordest
Reposta per primo quest’articolo