Toro de la vega: Volante è stato ucciso

gdf.jpgTordesillas, Spagna. Non sono servite le proteste degli attivisti spagnoli contro l’uccisione barbara di Volante, un toro di 622 kg, in occasione della festa del Santo Patrono nel piccolo Comune di Tordesillas. La gara del “Toro de la vega” è una celebrazione che risale al Medioevo e consiste nel rincorrere a cavallo e a piedi il toro, cercando di infilzarlo con delle lance lunghe fino a tre metri entro una certa zona, seguiti da centinaia di partecipanti. Chi sferra il colpo di grazia, mozzerà anche coda e testicoli dell’animale, per poi esibirli in parata sulla cima della propria lancia. Il vincitore avrà diritto ad una lancia d’oro, offerta dal Municipio.

Dopo averlo inseguito, inflizato e torturato per circa 20 minuti, Volante è morto. La morte però è avvenuta fuori della zona ufficialmente designata e la proclamazione del vincitore è stata annullata. Alcuni partecipanti hanno affermato che si dovrà fare un nuovo torneo, con un altro toro che avrà cosi la vita segnata.

All’inizio della “festa”, decine e decine di difensori degli animali si erano riuniti vicino alla stalla del toro, cercando di bloccare l’uscita dell’animale prima di essere dispersi dalla polizia. Qualche momento di tensione, ma nessuno è stato fermato. “Tordesillas, vergogna nazionale “e” killer Tordesillas “sono state alcune delle grida degli anti-corrida, mentre i sostenitori del Toro de la Vega hanno risposto con espressioni come “terroristi”.

“I partecipanti stessi hanno violato diversi articoli del decreto del Toro de la Vega, i torneantes non sono nemmeno stati in grado di rispettare le loro ordinanze macabri e obsoleto che disciplinano il torneo. Hanno ucciso il toro fuori dell’area che considerano permessa”, criticano gli animalisti.

Il Partito animalista spagnolo Pacma prenderà in considerazione le immagini e tutte le denunce presentate per far si che questo sia l’ultimo anno in cui si svolgerà il torneo.

Flattr this!
Share on MyspaceSubmit to StumbleUpon

Lascia un Commento