Cerro al Volturno, ordinanza del sindaco: vietato l’abbaio dei cani dalle 13.00 alle 16.00 e dalle 21.00 alle 8.30

Dogs-Barking.jpgA Cerro al Volturno, un paesino di 1400 abitanti in provincia di Isernia, il sindaco Vincenzo Iannarelli ha emanato un’ordinanza che vieta ai cani di abbaiare dalle 13.00 alle 16.00 e dalle 21.00 alle 8.30. Sono previste multe da 25 a 500 euro per i proprietari !trasgressori”.


Nel documento di sei pagine il primo cittadino fissa tutta una serie di regole che riguardano gli animali domestici,
per evitare che questi possano fare del male ai cittadini.

I cani dovranno essere custoditi all’interno delle aree private in maniera tale da ridurre al massimo l’eventuale disturbo della quiete e, in particolare, evitare che abbaino nelle fasce orarie pomeridiane (13.00-16.00) e in quelle serali e notturne (21.00-8.30).

Dovranno essere riservate ad essi zone della proprietà il più lontano possibile dalle abitazioni dei confinanti e comunque adottando misure idonee a contenere il propagarsi dei rumori provocati dai cani. Dovranno inoltre essere adottate tutte le misure necessarie affinché i cani non disturbino con il loro abbaiare i passanti sulle aree pubbliche adiacenti l’area dove sono custoditi.

E non è tutto: il sindaco stabilisce che ai cani è vietato l’ingresso, anche se portati al guinzaglio e con la museruola, nei parchi e nei giardini pubblici comunali e in tutte le aree in cui sono presenti giochi per bambini.

Infine, per strada i cittadini possono far circolare i loro cani solo se condotti al guinzaglio ma questo non può essere più lungo di un metro e 50 centimetri.

Un’ordinanza che scatenerà sicuramente polemiche….

Flattr this!
Share on MyspaceSubmit to StumbleUpon

2 pensieri su “Cerro al Volturno, ordinanza del sindaco: vietato l’abbaio dei cani dalle 13.00 alle 16.00 e dalle 21.00 alle 8.30

  1. Ce ne fossero di sindaci cosí!
    A furia di ineguire l’animalismo politically correct ci dimentichiamo dei diritti delle persone.
    Di fatto oggi hanno piú diritti gli animali delle persone… E’ ora di dare una bella sterzata.

  2. allora, Andrea, siccome il tuo bla bla mi disturba, chiederò al sindaco della tua città di importi il silenzio dalle 13 alle 16 e dalle 21 alle 8.30. Credi davvero che gli animali abbiano più diritti delle persone? vengono uccisi, sfruttati, seviziati ogni giorno (e questo solo per farti sedere a tavola; in più mettici tutto il resto…). Come le persone d’altronde. Non credo che ordinanze del genere facciano stare meglio le persone, solo peggio gli animali. Il rispetto per le persone e gli animali non lo può imporre una legge o un’ordinanza, dovrebbe essere insito nella coscienza della gente. In ultimo, chi non ha rispetto degli animali, non avrà nemmeno rispetto per le persone.

Lascia un Commento